Navigate / search

Come è nato internet? Da un link…

La nascita di internet per come lo conosciamo noi adesso è avvenuta intorno agli anni ’90, da una intuizione  dell’informatico inglese Tim Berners-Lee. In realtà una forma rudimentale di internet esisteva già e si chiamava Arpanet, una rete usata per scopi militari.
L’idea di Berners-Lee era quella di trovare un metodo per conservare, scambiare e rendere immediatamente fruibili i dati degli esperimenti che si tenevano al Cern che spesso durano settimane se non mesi o anni.  Creare “link” tra documenti per districarsi in mezzo a una montagna di dati. Il concetto di link era rivoluzionaria.
«Il problema della perdita di informazione è particolarmente sentita al Cern, ma in realtà noi siamo un modello in miniatura di quello che potrebbe essere il mondo in pochi anni», diceva Berners-Lee.
Da li nacque World Wide Web ed il primo client (un browser e un editor) nel 1991, usato
 da pochi addetti ai lavori.
Il 30 aprile del 1993, infatti, il Cern di Ginevra rende pubblica questa tecnologia liberamente e senza diritti. Nasce il primo brouser “Mosaic”. 
Arrivano i primi motori di ricerca come AltaVista e Yahoo! Google è nato nel 1998, successivamente Wikipedia, Amazon, Facebook e Twitter.
Proprio in quegli anni nasceva anche la rivista Elaborare. Era il 1995 prima con un numero “zero” uscito in edicola su Roma città e poi successivamente nel 1996 il primo numero in edicola sul territorio nazionale.  Contemporaneamente è nato subito il sito di elaborare col dominio .it (www.elaborare.it) praticamente l’anno stesso.
Nel 2001 nacque il FORUM di ELABORARE, il primo in Italia dedicato ai motori ed ai “car enthusiast”.
CERCASI MODERATORE fu uno dei post di “Bieddos” lanciato a febbraio 2011 per ricercare i primi moderatori: “Cercasi Moderatori delle sezioni sprovviste di controllo Le uniche qualita’ richieste sono: -taaaaaaaaanta pazienza..

essere spesso online per controllare il forum che ogni giorno che passa e’ sempre + affollato,  avere ovviamente la passione per il tuning.. 

“.
Una delle prime discussioni di Marzo 2001 sul Forum di ELABORARE: “CHI VIENE A MONZA?” link QUI Read more

Differenza tra tag e categorie

Spesso noto che c’è confusione tra TAG e CATEGORIE nei diversi blog che forniscono la possibilità di utilizzare questi strumenti. Sono tanti come per esempio, wordpress, drupal, movable type ed altri.

La spiegazione migliore che ho trovato è quella di Giovanni Giorgi in rete che qui riassumo.

COSA SONO LE CATEGORIE – Le categorie sono classificazioni per argomento a livello generale. In Drupal le categorie sono chiamate “Tassonomie” e possono essere gerarchiche. In Drupal è possibile associare più tassonomie ad un contenuto (per es alla pagina del sito).

In situazioni normali una sola classificazione è più che sufficiente: difatti WordPress ha un solo insieme di categorie, e questo è possibile se si consente di strutturare la categoria in modo gerarchico e si consente ad un contenuto di apparire in più di una categoria.

REGOLE DA SEGUIRE:
– Tenere il numero di categorie basso.
– Individuare massimo una decina di categorie e poi scendete lentamente verso cinque-sei.
– Ridurre il numero di categorie primarie impostandole gerarchicamente, in modo da individuare poi delle sottocategorie.

COSA SONO I TAG – I tag sono etichette specifiche. I tag sono parole chiave che hanno la funzione di aggregare contenuti. Storicamente sono nati perché i software di blogging (come WordPress o Drupal) sono in grado di creare elenchi di articoli con una particolare keyword: questa classificazione granulare è usata dai motori di ricerca per migliorare i loro risultati.

ESEMPIO UTILIZZO TAG – Ecco come funziona: supponete di avere un articolo con i due tag “pizza” e “margherita”. Quando Google indicizza un sito, trova due pagine, una con il titolo “Archivio tag pizza” e uno con “Archivio tag margherita”. Google osserva che entrambi gli archivi puntano al vostro articolo e ne dedurrà che c’è attinenza tra le due parole e il vostro articolo.

Una ricerca su google di “pizza margherita” vi darà delle chanche di apparire sulla prima pagina del motore di ricerca.

Più i tag sono specifici, più gli algoritmi di raffinamento del motore di ricerca vi spingeranno in su nella classifica.

tag simbolo grafico logo



I tag sono quindi indicazione di tipo semantico. Per cui la regola con i tag è

Utilizza sempre parole molto specifiche per marcare (“taggare”) un contenuto.

Esempio – Se il sito è un portale di “notizie allora “News” è una categoria, “Motori” una sottocategoria e “Formula 1″ è un tag.

Ma se il vostro sito parla solo di SPORT MOTORI “Formula 1” e “DTM” sono categorie, e “Monza” potrebbe essere un tag.

COME MIGRARE un TAG in una CATEGORIA – A seconda del contesto, ad un certo punto avrete dei tag che sono usati molto. Tali tag diventano quindi meno specifici nel contesto dei contenuti in esame. E’ quindi il momento di trasformarli in categorie. Allo stesso modo, se una categoria conta pochi elementi (per esempio meno del 10% dei contenuti del sito) è un ottimo candidato per essere trasformato in un tag.

WordPress contiene delle utility per trasformare un tag in una categoria e viceversa.

Guarda il video che spiega anche la differenza tra Categorie e Tag di Cecilia Sardeo e tutto sui contenuti duplicati.

 

Sbarco sulla luna?

luna atterraggio Apollo_AS12-47-6897_Flag

Il 20 luglio dell’anno 1969, avvenne lo sbarco sulla luna dell’uomo: «Ha toccato!» fù l’annuncio del conduttore televisivo Tito Stagno ai telespettatori. L’Apollo 11 aveva toccato il suolo lunare alle 22,17, ora italiana.

Sullo schermo passavano le immagini dell’astronauta Neil Armstrong, Read more

Inventarsi l’aria condizionata

Canada-strada-ghiacciata

Il 17 luglio del 1902 fu realizzato il primo impianto di aria condizionata (111 anni fa). Fu l’ingegnere Willis Haviland Carrier, nato ad Angola, New York sulle rive del Lago Erie che ereditò sin dall’infanzia la passione materna per la meccanica, tra orologi, macchine da cucito e altri elettrodomestici.

Dopo l’università cominciò a lavorare per Buffalo Forge, una fabbrica che produceva stufe e sistemi di ventilazione, come progettista di sistemi di riscaldamento per l’asciugatura di legname e caffè.  A 25 anni realizzò un Read more

Apertura traforo Monte Bianco

Mont_Blanc,_Mont_Maudit,_Mont_Blanc_du_Tacul

Il 16 luglio 1965 è stata inaugurata l’apertura del traforo (11 km) del Monte Bianco, per diversi anni il traforo più esteso al mondo che mette in collegamento l’Italia e la Francia attraverso le comunità di Courmayeur (in Valle d’Aosta) e Chamonix (nell’Alta Savoia). Lo percorrono ogni giorno circa 5 mila veicoli. I lavori durarono sei anni e coinvolgono 350 lavoratori.
Ad inaugurarlo furono i capi di Stato dei rispettivi paesi: Giuseppe Saragat per l’Italia, il generale Charles De Gaulle per la Francia. Un grave incidente nel marzo del 1999 ne decretò la chiusura temporanea per tre anni.

Il Monte Bianco (Mont Blanc in francese) è una montagna situata nel settore delle Alpi Nord-occidentali, nella sezione Alpi Graie, nel massiccio del Monte Bianco, sulla linea spartiacque tra la Valle d’Aosta (Val Veny e Val Ferret in Italia) e l’Alta Savoia (Valle dell’Arve in Francia), nei territori comunali di Courmayeur e Chamonix.
Si tratta della montagna più alta d’Italia e d’Europa centrale.
È di natura granitica, irta di guglie e di creste, intagliato da profondi valloni nei quali scorrono numerosi ghiacciai. Raggiunge i 4.810,45 m d’altezza (ultima misura ufficiale nel settembre 2009).

Tracciato_tunnel_montebianco_pianta

Se vuoi saperne di più approfondisci la storia del Monte Bianco

galleria_traforo_montebianco